Posizione corrente:

Lions Club Pescia > La Voce del Presidente

La Voce del Presidente


Dott. Maurizio Sonolli

Carissimi Soci,
mi sento in dovere di analizzare con voi il momento difficile che tutto il mondo e non solo l’Italia sta attraversando. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, ma sicuramente il momento di difficoltà economica e incertezza sul futuro aggrava il contesto.
Questa calamità , come la maggior parte degli eventi naturali, non conosce confini, razze, religioni, stati sociali, generi e ci fa capire quanto fragili sono le nostre fondamenta culturali e le nostre presunte certezze.
Mai come ora ci rendiamo conto delle debolezze strutturali, logistiche e soprattutto culturali che l’uomo globale ha costruito nel tempo.
Proprio la mission, gli scopi ed il codice etico dei Lions , mai come ora dimostrano la loro validità e la necessità di diventare azione. Pensare ed agire per una umanità più unita , solidale, attenta ai bisogni in particolare delle componenti più deboli, far crescere la cultura e la consapevolezza dei nostri comportamenti in ambito della salute, dell’ambiente, del senso civico, della morale , dell’etica e della solidarietà.
Come dice il nostro Governatore Rossi, dobbiamo uscire dai nostri personalismi, dai nostri egoismi e alzando l’orizzonte vederci quali parti di un più grande consesso che tutto e tutti lega, coinvolge e chiama a dare risposte che abbiano conseguenze ed effetti positivi per tutti.
Siamo legati , volenti o nolenti, da un filo invisibile che ci impone comportamenti ed azioni che abbiano effetti non per qualcuno o per qualche ristretto gruppo privilegiato, ma per tutti.
E chi meglio della grande organizzazione dei Lions International, coll’impegno dei singoli soci, può dare una risposta a questi nuovi bisogni in questo nuovo impegnativo scenario? Rimbocchiamoci ancora di più le maniche e diamo segnali concreti e tangibili di quanto siamo capaci, forti dell’unione che ci lega e delle doti umane e professionali che ci dovrebbero contraddistinguere.
Chiedo e ringrazio , di non lasciarsi prendere dalla paura , dallo scoraggiamento e dalla rassegnazione, dimostriamo anche in questo caso prudenza e rispetto delle regole, anche se rigide, ma positività di pensiero e volontà di riuscire a battere le avversità e risorgere più grandi di prima.
L’annata Lionistica ha già visto molti risultati conseguiti :Campo Toscana Giovani, la Donazione alla Chiesa di San Lorenzo per l’acquisto delle sedie, Raccolta fondi con Burraco e Tombola, conferenza di Ciro Vestita, Donazione al centro per disabili “Il Faro”, l’importante donazione e lavoro per il Trittico di Castelvecchio ed il libretto documentativo, la giornata per il Diabete con le visite gratuite, Distribuzione dei Pacchi Natalizi alle famiglie disagiate, donazione di Piante alle scuole di Collodi, il Poster per la Pace, Interventi nelle scuole per “Interconnettiamoci”, l’avvio per il concorso su “ We Serve” per le scuole superiori, la donazione importante alla Banda Gialdini, oltre le conviviali e gli altri appuntamenti più o meno ludici. Anche se probabilmente non potremo portare a termine tutto quanto ci eravamo prefissato, ci impegneremo per : Distribuzione dei pacchi Pasquali alle famiglie disagiate, raccolta fondi con il Golf Trophy, la Premiazione
del concorso “We Serve”, la Donazione importante agli “Amici del Cuore”, il Service più oneroso della Donazione delle attrezzature al nuovo centro Ambulatoriale Pediatrico presso la Pubblica Assistenza, il Premio Pinocchio, le due giornate dei Lions In Piazza a Pescia ed a Chiesina con le visite plurispecialistiche gratuite, il recupero della Conferenza “i primi mille giorni” del prof Cioni e del Lucca Running, , con i Leo il progetto della Scuola Sismondi Pacinotti per il Museo tattile per disabili, la raccolta fondi, sempre insieme ai Leo, con la Caccia al Tesoro, la raccolta fondi con l’importante opera che ci dona lo scultore/pittore Mauro Vaccai, altre conferenze presso la Banca di Pescia e Cascina e nelle scuole con “Interconnettiamoci… ma con la testa”, la Gita se ci sarà permessa ed altro ancora.
Chiudo , richiamando tutti alla massima collaborazione e vicinanza , telefoniamoci, utilizziamo i mezzi telematici, social compresi, per non perderci di vista; stiamo vicini ai soci che potrebbero avere problemi di qualunque natura e , se del caso, aiutiamoli con la dovuta prudenza imposta dalle circostanze, affinché il Club di Pescia dimostri una volta di più la sua forza, efficienza, efficacia e unione.

Grazie a tutti.